Di ritorno da Cosenza…

E’ passata poco più di una settimana dal seminario annuale del Movimento Italiano psicologia Perinatale “Ascoltare i bisogni: dal preconcepimento ai primi mille giorni di vita” …il 25 Maggio è stata una bellissima giornata di sole in quel di Cosenza, ospitati nella Casa delle Culture, in pieno centro storico.

Gli interventi hanno affrontato le diverse tematiche  attraverso una lettura attenta delle dinamiche bio-psico-sociali che genitori e figli* incontrano in questo periodo del ciclo di vita, focalizzandosi sia sugli aspetti fisiologici che psicopatologici.

Il mio contributo “Attraversare il lutto perinatale: l’intervento psicologico con i genitori”, inserito nella sessione più ampia “Il tempo sospeso”, ha sottolineato le specificità di questo lutto, sia nelle tecniche che nei contenuti, nonché l’importanza di una formazione per gli/le psicologi/ghe e psicoterapeuti/e che accolgono i genitori che hanno perso un* figlio nel corso della gravidanza, durante il parto o dopo la nascita.

Avere di fronte a me una platea di collegh*, student*, specializzand* e genitori,interessata ed entusiasta a conoscere e ad approfondire temi legati alla psicologia perinatale, mi ha emozionata…

Ho avuto l’esatta percezione di quanto moltiplicare giornate formative come questa possa essere importante…prendersi cura dei primi mille giorni di vita di quel bambin*, di quei genitori, di quella famiglia passa anche attraverso il prendersi cura di quei/le professionist* che accolgono questi genitori, queste famiglie nella loro gestazione, nella loro nascita e nei loro primi mille giorni di vita.

Condividere informazioni e saperi legati a ciò che la psicologia in ambito perinatale ci racconta, attraverso ricerche e studi scientifici, garantisce a psicologi/ghe, operatori/trici sanitari/e, educatori/trici,  la possibilità di mettere in campo delle modalità assistenziali competenti e conseguentemente di informare, a propria volta, i genitori sulla fisiologia della nascita e del prendersi cura nei primi mille giorni di vita, conservando un atteggiamento rispettoso che valorizzi l’empowerment e le competenze genitoriali, senza sostituirsi ma facendo spazio all’altro, affinché possa giungere ad una propria scelta informata, libera e consapevole.

Grazie ai partecipanti e alle partecipanti, alle relatrici e a tutte le colleghe del Mippe, ai/alle moderatori/trici, all’Associazione Mammachemamme e all’accoglienza del Sud, che anche in quel di Cosenza si è mostrato in tutta la sua bellezza.

locandina seminario annuale mippeprima diapositiva.001sarahconvegnoconvegno foto2convegnofoto